CASUAL FRIDAY #8: QUATTRO STORIE DI ORDINARIA FOLLIA

tela5 lux fiat

Massimo Desiato e Luciano Lupoletti, Lux Fiat (2015)

Casual Friday è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso che cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi. Gran chiusura oggi con Paolo Gamerro e Filippo Santaniello. Gli inediti di Verde torneranno a settembre, ma il blog non va in vacanza. È venerdì, rilassati!
L’opera in foto è di
Massimo Desiato e Luciano Lupoletti (Lux Fiat, 56×50, tela artigianale in pelle pieno fiore vintage su telaio deep edge in abete piallato, firmata e numerata in esemplare unico. Pittura ad olio di Luciano Lupoletti, telaio e azione luminosa di Massimo Desiato).

Continua a leggere

Annunci

DALLO SCARICO ALL’ALBA

tela2 nichilismo temporale

Massimo Desiato e Luciano Lupoletti, Nichilismo temporale (2015)

Vinicio Motta ha scritto il seguito di Mercuriale Sulfureo-Scatologico: Dallo scarico all’alba è la seconda parte della sua Trilogia Fecale. La raccomandazione è la solita: solo per stomaci forti. Non dite che non ve l’avevamo detto.
L’opera in foto è di
Massimo Desiato e Luciano Lupoletti (Nichilismo temporale, 56×50, tela artigianale in pelle pieno fiore vintage su telaio deep edge in abete piallato, firmata e numerata in esemplare unico. Pittura ad olio e soda caustica di Luciano Lupoletti, telaio e azione tessile di Massimo Desiato).

Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #7: RIBES NERO

Casual Friday è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso che cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi. Oggi Andrea Frau propone Ribes Nero, prima parte della Trilogia del Ribes. È venerdì, rilassati!
L’opera in foto è di
Massimo Desiato (Tempo Dilatato, 56×50, tela artigianale in pelle pieno fiore vintage su telaio deep edge in abete piallato, firmata e numerata in esemplare unico).

Continua a leggere

DELL’ODIO NEANCHE L’OMBRA

Joe Kossovo nasce a Roma nel 1983 e qualche tempo dopo si laurea in legge. Appassionato di cinema e letteratura, ha vissuto in Belgio e a New York. Attualmente scrive, studia e lavora a Roma, dove si districa tra concorsi (letterari e non) e racconti. È l’autore più misterioso di Verde, dove è apparso per la prima volta nell’ottobre 2013 con il racconto Frantumi.
Folle volto è opera di Massimo Desiato (56×50, tela artigianale in pelle pieno fiore vintage su telaio deep edge in abete piallato, firmata e numerata in esemplare unico).

Continua a leggere

VERDE MATEMATICO #1: Diedrich

Qualche mese fa Luca Marinelli ci ha proposto “una rubrica su concetti di stampo prettamente scientifico, soprattutto di fisica e matematica, dato che mi occupo principalmente di questo nella vita, rivisitati in chiave accessibile nella forma del racconto” (sì, accessibile, ha detto proprio così). Poi ci ha spiegato che la rubrica procederà in serie di tre. La prima, Umidi nei post sbronza, tenterà di trattare “le tre nature della fisica: classica, quantistica, relativistica“. Diedrich introduce la fisica quantistica. La trama del racconto, dice sempre Luca, “sarebbe semplice: un uomo, pieno di fobie, prima sviene perché si sono rotte le tubature della cucina di casa sua, poi parla con un idraulico che in realtà è uno psicanalista mascherato.”
Il nome della rubrica è
Verde Matematico e avrà cadenza mensile.
L’illustrazione è di Massimo Desiato e si intitola, guarda i casi, #3 (77,5 x 43, base pvc, asfalto, vernice, pennarelli, vinilica, fiori secchi di azalea). Qui la descrizione che ne fa Massimo. 

Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #5: LA LETTERA (PARTE I)


Casual Friday
è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso che cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi. La lettera è un racconto di Luca Antonini ed è diviso in due parti: la seconda sarà online tra sette giorni. È venerdì, rilassati!
Luca Antonini è art director, game designer e script writer di Officina Indie, uno dei non-luoghi dove riesce a dare corpo ai suoi incubi. Una laurea in Dams gli dà occasione di coniugare cultura pop con Umberto Eco. Il resto sono visioni.
L’illustrazione è di
Massimo Desiato (#1 Man in the mirror, 44×60, base carta, matite, tempere, vernice spray, ramo di frassino con foglie. Qui la descrizione completa).

Continua a leggere