GATTINI™#29: L’ORACOLO

gattinideadtamag0tchi

DeadTamag0tchi after Andy Wahrol, GATTINI

Oltre che per il terzo Sacco di Roma, le morti di Lyda Borelli e di Nannie Doss e la nascita di John Dillinger, un giorno ricorderemo il 2 giugno per L’oracolo, il sesto racconto su Verde via GATTINI di un controllatissimo e a tratti irriconoscibile Max Cabrerana (lacaniani in ascolto, lo stiamo castrando?).
Viva i venerdì (miao), viva la monarchia, viva Elvis El Rey, viva la regina DeadTamag0tchi (copertina).
Continua a leggere

GATTINI™#25: CARLOS

gattinideadtamag0tchi

DeadTamag0tchi after Andy Wahrol, GATTINI

Ci teniamo così tanto al contenitore dei nostri orrori indifferenziati (AKA GATTINI) da uscircene noncuranti delle incombenti otto di sera (ha ragione Francesco Quaranta) con un altro racconto di Luca Marinelli. Vi siete mai distesi su una montagna di spazzatura e allargato le braccia per poi muoverle come ali? Provate e diteci se riuscite a spiccare il volo. Il protagonista di Carlos attende solo una persona: il suo angelo che lo salvi dalla zozzura del tempo. 
Noi l’angelo l’abbiamo trovato da tempo, è DeadTamag0tchi, la copertina l’ha disegnata lei. A lunedì, miao.
Continua a leggere

GATTINI™#24: OCCHI SCURI

gattinideadtamag0tchi

DeadTamag0tchi after Andy Wahrol, GATTINI

Discendente di un’antica famiglia egemone marchigiana, poi trasferitasi nella Repubblica Popolare di Centocelle durante la sua storica fondazione, si distinse per meriti letterari e politici tra il sottoproletariato analfabeta ma non tra chi, bene o male, sapeva leggere e scrivere. Dionisio Izzek, la nuova scoperta di Verde per GATTINI (il contenitore degli orrori indifferenziati di Verde, ogni qualche il venerdì qui e su Facebook), in fuso orario CEST -8 (colpa del vento) con Occhi scuri (contiene cirillico). È forse questo incanto, l’Inferno? No, è soltanto il venerdì (e allora? Miao).
Copertina di
DeadTamag0tchi.
Continua a leggere

GATTINI™#23: MERIDIANA JONES

gattinideadtamag0tchi

DeadTamag0tchi after Andy Wahrol, GATTINI

Maggio 2014, Verde 24 segnava i due anni di pubblicazione del nostro cartaceo. Per l’occasione ci facevamo accompagnare da cinque autori (su sei: eccezione scaramantica Jacopo Marocco) mai apparsi prima sulle nostre pagine: Sergio Peter, Filippo Santaniello, Luca Antonini, Filippo Parodi e l’allora sconosciuto poeta ventiduenne Luca Marinelli (1992), la più giovane penna della nostra gloriosa storia. Primato che si infrange oggi contro la biografia di Paolo Avian, “nato a Savona il 6 maggio 1995. Tramite i giri della vita, sbarca sulla sponda del Naviglio Grande di Milano e si innamora della città. La città non ricambia sempre. Lì però studia i capolavori del maestro Quentin Tarantino e decide di percorrere la sua stessa strada come sceneggiatore. Di giorno lavora in un call center, di notte scrive e sperimenta con il suo Final Draft craccato. Ama il Darjeeling Tea e ha dei piedi bellissimi.”
Meridiana Jones è il suo esordio su GATTINI, il contenitore degli orrori indifferenziati di Verde, ogni qualche venerdì qui e su Facebook.
La copertina miao è di
DeadTamag0tchi.

Continua a leggere

GATTINI™#22: FAMILY BANKER

gattinideadtamag0tchi

DeadTamag0tchi after Andy Wahrol, GATTINI

3 giugno 1986, a Roma. Diplomino in ragioneria e partitelle di calcio dilettantistico seguite per radio e TV locali. Dal 2011 racconti su Venti Nodi, Nazione Indiana, Rassegna Stampa di Oblique, 8×8 e L’Inquieto. Adesso, con Family Banker, Stefano Felici è per la prima volta su GATTINI, il contenitore degli orrori indifferenziati di Verde, ogni qualche venerdì qui e su Facebook (copertina di DeadTamag0tchi). È venerdì, miao.
Continua a leggere

GATTINI™#21: MERCOLEDÌ 11

gattinideadtamag0tchi

DeadTamag0tchi after Andy Wahrol, GATTINI

GATTINI è il contenitore degli orrori indifferenziati di Verde, ogni qualche venerdì qui e su Facebook. Impossibile ma probabile che quando ideavamo questa rubrica noi si pensava pure a racconti come Mercoledì 11. D’altronde ogni giorno indossiamo una maschera, no? È il tenore di questo inside joke che Max Cabrerana si è divertito a scrivere per gli amanti dei cari vecchi franchise horror (o horror franchises se preferite, naziglotti dei nostri ecostivali), che tante risate ci hanno regalato ma adesso anche basta (l’orrore è ovunque). La copertina è di DeadTamag0tchi. È venerdì, miao.
Continua a leggere