Casual Friday #57: Dora

gatto meditazione

Emma Grillo

Fare rivista non è un pranzo di gala, bisogna razionalmente crearsi un sistema e testarlo ludicamente ma coerentemente come entomologi della qualità. Che la qualità poi, che cosa sia, per parafrase quello, non l’ha capito ancora nessuno, non importa perché il tema oggi è quel gran bastardo stracciacazzi del tempo e non di canoni ma di cannoni spirituali si parla.
Il cannone spirituale è la mossa segreta di uno dei nostri Simone. Fosse qua questo venerdì ce lo spiegherebbe lui il tempo. Simone invece non è più lui e non vuole essere più lui. Il suo fulcro ideologico sta tutto qui: “Per quanto mi riguardava poteva anche continuare ad avanzare l’orda perbenista che sicuramente avrebbe presto deciso di cancellare le scritte sui muri dei cessi.” A lui chiediamo che cos’è la coerenza. Lui risponde: “Non è fuoco la fiamma che aleggia sulle candele, vero fuoco è la vampa che intera consuma la vita di falena”. Noi cerchiamo su Google e troviamo una poesia persiana. La risposta soffia nel vento. Ci collochiamo nel punto più distante possibile dalla nostra storia. La nostra storia è un Nastro di Möbius. C’è un modo per mettersi al riparo dalla propria storia?
Ardo è l’anagramma di Dora. Il resto è detto tra le righe di questo racconto dedicato al passato di Verde che si riprende una rubrica storica del venerdì. Non ricapiterà per i prossimi 25 anni.
L’illustrazione è di Emma Grillo.
Continua a leggere

Casual Friday #56: Caramelle

P1010880

Sergio Caruso, senza titolo

In attesa di importanti comunicazioni redazionali con cui nelle prossime ore cercheremo di fare il punto della situazione attorno a Verde e al futuro della nostra rivista, in un momento difficile per la redazione, riapriamo simbolicamente e eccezionalmente (non accadrà di nuovo) Casual Friday, la rubrica fondativa che meglio descrive la nostra storia e la nostra identità smarrite negli ultimi confusi e contraddittori tempi.
Paolo Gamerro non ha bisogno di presentazioni, diremo soltanto che è da sempre la voce distintiva della vecchia Verde, il Mister Wolf delle nostre alterne vicende. L’illustrazione non poteva che essere di Sergio Caruso, il pennello più fedele delle storie di Paolo.
Caramelle è l’ultimo racconto che Verde pubblica nel 2019, il primo dallo sciopero indetto da Nuova Edizione il 12 ottobre scorso (qua). Accoglietelo come un regalo di Natale e un segnale chiaro di ciò che si agita in redazione: per l’ultima volta vi chiediamo di scandire insieme a noi: “è venerdì, rilassati!”
Perché nonostante tutto, come recita la nostra testata, Bierde es Bierde, On recommence, on oublie tout. Appuntamento al 31 dicembre.
Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #55: LA PRODUCER (3/4)

Quando Francesco Quaranta si unì a Verde, l’ottobre scorso, passò almeno un paio di mesi a interrogarsi sul significato di Casual Friday. Quando un racconto è Casual? Perché un racconto è casual il venerdì? Che cosa succede il mercoledì? E che cos’è il reading code? Le nostre risposte lo convincevano ogni volta di meno, finché Alessio Posar, salvando pesci e capre, non ricondusse la faccenda all’essenziale con l’ormai massima boskoviana “Il Casual Friday è il racconto del venerdì di Verde”. Era davvero così semplice? La verità è che nessuno di noi ricordava più i perché e il come della rubrica più amata dai nostri lettori. Doveva essere la linea comica del blog e contenere i racconti più fanzinari, cannibali, orrorifici, grotteschi, surreali, divertenti o imbarazzanti – in una parola, sbagliata, Casual – di Andrea Frau, Paolo Gamerro e Filippo Santaniello. Dopo due mesi di perle come questa, questa o questa, le cose presero un’altra piega e il Casual si ribaltò su di sé. I famigerati scissionisti del venerdì cominciarono a scrivere racconti che non facevano più ridere e non erano più zozzi (alcuni non erano nemmeno racconti); nuovi autori componevano percorsi personali che si allontanavano sempre di più dalle parole d’ordine “è venerdì, rilassati!” ; il  primo aprile il Casual venne ufficialmente giustiziato e nessuno si oppose: andava bene così a tutti. Volevamo semplicemente continuare a pubblicare i nostri racconti, Casual o non che fossero, anche il venerdì. Aveva ragione Alessio, aveva ragione Francesco quando ci aveva compensibilmente  stalkerizzato messo a parte dei suoi dubbi oramai diradati.
Dopo cinquantacinque epiche settimane, il Casual Friday termina qui con la terza parte de La producer di Filippo Santaniello, il lungo racconto che doveva concludersi oggi ma a cui si è aggiunto un finale che leggeremo a settembre… di venerdì, in una nuova rubrica che conterrà – lo anticipiamo a beneficio di Francesco – i racconti del venerdì di Verde. Casual e non.
La fotografia è di Federico Arcangeli (Where is my mind?)
Il blog è in vacanza, i nostri inediti tornano a settembre. Ciao!
Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #54: LA PRODUCER (2/4)

Casual Friday (qui e su Facebook) è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi.
La producer, seconda parte (qui la prima): Gabriele non può sapere che ad aspettarlo nell’appartamento di Caterina Nucelli c’è anche un eccitatissimo Enzo Foschi; intanto Yuri e Glauco non ne possono più di aspettare sotto casa dell’attrice e decidono di salire. Filippo Santaniello consiglia di non affezionarsi ai personaggi: non è una storia a lieto fine, previsti sviluppi alla Society. È venerdì, rilassati!
Fotografia di
Federico Arcangeli (Where is my mind?).
Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #53: CARTA, FORBICE, SASSO

Casual Friday (qui e su Facebook) è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso che cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi.
Carta, forbice, sasso è la seconda Morra che Flavio Ignelzi gioca con noi e il suo ultimo Casual Friday (è venerdì, rilassati, Flavio continuerà a scrivere per Verde). La fotografia, dal progetto Where is my mind?, è di Federico Arcangeli.
Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #51: SPORE

Casual Friday (qui e su Facebook) è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi.
Pesantissima aria di smobilitazione e sintomatica tensione ai minimi storici dentro Verde: il grande sogno è forse finito? In questo fosco scenario di bilanci c’è già chi si riposiziona, ma la base non ci sta, il popolo si ribella (deciderà il blog). Non vale la pena ricominciare con questo caldo, ne riparleremo dopo l’estate (ma così a settembre, è chiaro, non ci arriviamo).
Spore è una scheggia impazzita della fase no-wave di Paolo Gamerro (o ciclo della Mangrovia). Il 22 marzo scorso, a Roma, ha partecipato alla terza serata di 8×8. È arrivato primo ex-aequo per la giuria di qualità, secondo dopo il voto popolare che naturalmente rispettiamo (è venerdì, stai molto calmo e rilassati).
L’illustrazione è di
DeadTamag0tchi, all’ultimo giorno con noi (ma tanto torna prima o poi).
Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #49: CINQUE UOMINI PER CHINASKY

Casual Friday (qui e su Facebook) è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi. È venerdì, rilassati!
Kriss Rifurgiato vive a Roma. Autore freelance, ha lavorato in programmi di approfondimento culturale per Radio3 Rai e collaborato alla stesura di sceneggiati radiofonici per Radio2 Rai. Con Libraduepuntozero pubblica nel 2013 Canto di ceneri e spighe, silloge poetica che raccoglie i versi del periodo europeo.
Cinque uomini per Chinasky è il suo primo racconto per Verde. Fotografia di Elisa Piatti.
Continua a leggere