Ascenseur pour l’échafaud #4: Sarah Kane

sarah kane giuditta bertoni

Giuditta Bertoni, Sarah Kane

Sono le 4:48 e Sarah Kane ci manca da 19 anni. Tanti ne saranno domani dalla notte del 20 febbraio 1999, che Sergio Gilles Lacavalla ripercorre, insieme ai cinque testi tetrali, nella quarta puntata di Ascenseur pour l’échafaud: “Lo sguardo ha un’accelerazione che corrisponde ai gesti necessari per sfilare quelle stringhe. Movimenti veloci prima di ogni ripensamento. Prima che qualcuno la scopra e butti giù la porta. Veloci e precisi. Basta quello di un solo anfibio. Si toglie l’anfibio, finisce di sfilare il laccio. Il piede nudo a contatto con il pavimento freddo le dice di tutto il gelo che avvolge ogni povera vita che ha perduto per sempre “la fede nell’amore” e vaga folle per Denmark Hill, attraversa un corridoio e si chiude a chiave in un bagno. Non dovrebbero lasciare la chiave nella serratura del bagno degli aspiranti suicidi. In questa situazione non puoi che sentire su di te tutta la crudeltà e la violenza delle relazioni. È colpa tua se tutto va male.”
L’illustrazione inedita è di Giuditta Bertoni
Continua a leggere

Annunci

Ascenseur pour l’échafaud #3: Egon Schiele

Con la pubblicazione della terza puntata di Ascenseur pour l’échafaud, possiamo dire di essere i primi a dare il via alle celebrazioni per il centenario della morte di Egon Schiele (31 ottobre 1918): non dobbiamo linkarvi nulla, lo conosciamo tutti, vero? Altrimenti leggete la lectio magistralis di Sergio Gilles Lacavalla, basterà, scoprirete della sua vita, della sua pittura e della musa Walburga “Wally” Neuzil. L’illustrazione è di Federica Consogno. Viva il lunedì, buon inizio di settimana con le cose splendide che vi regaliamo.
Continua a leggere