GATTINI™#6: OCCUPARSI DI UN ANIMALE DOCILE E INDIFESO

gattinideadtamag0tchi

DeadTamag0tchi after Andy Wahrol, GATTINI

GATTINI è il contenitore degli orrori indifferenziati di Verde. Ogni venerdì, qui e su Facebook.
La notizia del giorno è che
Verde è al collasso. Ne alludiamo da sempre, ma ormai è ufficiale. Dopo l’abbandono di Paolo Gamerro e l’allontanamento di Andrea Frau, la redazione è in balia di ridicole lotte intestine che hanno causato l’ennesima scissione, questa volta addirittura su base etnica. Navighiamo a vista. Pubblichiamo gli ultimi racconti approvati dalle stesse persone che hanno da tempo smesso di Occuparsi di un animale docile e indifeso (Verde, non Alessio Posar). E a proposito di animali, la copertina è di DeadTamag0tchi. È stato bello, addio. Miao.
Continua a leggere

Annunci

UNA STORIA AMERICANA

Alessio Posar si iscrive alla scuola dei duri: «Se sei cattivo, sei famoso. Altrimenti sei uno sfigato». Lo dice Stevenson, il protagonista di Una storia americana (un racconto che avremmo dovuto pubblicare l’anno scorso, ma gli preferimmo questo, ormai un classico posariano) che beve due dita di gin ogni sera (“ho le dita grosse”) eppure, giura, «Sono uno dei buoni, io».
Illustrazione di
DeadTamag0tchi (regolanumero1).
Continua a leggere

LA MODELLA

heart_shaped_sky

Serena Mazzini, Heart shaped sky

La modella ha partecipato alla seconda serata di 8×8 e naturalmente avrebbe dovuto vincere. A quanto ci dicono non è arrivato primo (pazzesco). «Faccio piccole cose, sono agli inizi» si è schermito Alessio Posar, e per la delusione ha smesso di scrivere. Per due giorni interi. Forse uno, ma il suo riserbo a proposito è totale. In ogni caso qui su Verde mancava da un po’ (eh Alessio?). La settimana scorsa, durante una soffertissima riunione di redazione su whatsapp (solita tensione alle stelle ed ennesima spaccatura© bla bla bla ecc ecc), lo abbiamo convinto a rivedere e correggere il racconto in modo da poterlo pubblicare spacciandolo per inedito. No, non è un inedito, ma tu che lo hai ascoltato dal vivo e non lo hai votato dovresti proprio rileggerlo. E tu che quella sera nemmeno c’eri: sarebbe il caso di rimediare.
Fotografia di Serena Mazzini (con noi ancora fino a venerdì: viva!)
Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #29: FUGAZI

Through The End Of Space And Times

Inchiostro Lisergico, Through the end of Space and Time

Casual Friday (qui e su Facebook) è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso che cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi. Alessio Posar ha scoperto che per rimorchiare nei bar non basta ascoltare i Fugazi se poi decidi di insultare Bob Dylan: questo è il suo resoconto. È venerdì, rilassati!
Illustrazione di Inchiostro Lisergico (Through the end of Space and Time).
Continua a leggere

LE RAGAZZE

La differenza tra autore, narratore e personaggio: pensateci durante la lettura del nuovo inedito di Alessio Posar che, dice, “ho passato più tempo a cercare un titolo perché io vaccaboia di solito ci metto tre mesi per un titolo che a fare tutto il resto”. Il titolo di lavorazione era In treno: messa così, potevamo forse cambiarlo? Francamente sì, e infatti adesso il racconto si intitola Le ragazze.
Illustrazione di Red Tweny, che sarà con noi ancora per una settimana (A black turtleneck sweater, 50x70cm, inchiosto su carta, 2015).

Continua a leggere

CASUAL FRIDAY #16: UN GIORNO IDEALE PER I PESCICAPRA

Elisa Piatti, Recording session with Chow (Stefano Zuccato)

Elisa Piatti, Recording session with Chow – Stefano Zuccato

Casual Friday (ora anche su Facebook) è la rubrica di Verde nata per promuovere un nuovo reading code. Ogni settimana un racconto inedito di un autore diverso che cercherà di farvi ridere, divertirvi o semplicemente imbarazzarvi. Oggi leggiamo Alessio Posar con Un giorno ideale per i pescicapra. È venerdì, rilassati!
Nella fotografia: Stefano Zuccato dei
Chow ritratto da Elisa Piatti.
Continua a leggere

GRASSA

Di Alessio Posar abbiamo letto pochi giorni fa Spazzatura, un recupero dall’ultimo numero del cartaceo. Grassa è invece un inedito che Alessio ha scritto in questi giorni per il blog. Poteva intitolarsi Con la disciplina si può fare qualunque cosa, ma è un racconto così fulminante che Grassa (senza neanche l’articolo) suona di gran lunga meglio.
L’illustrazione è di
Massimo Desiato. Si intitola #2 [Little Soul] (44×60, base carta, matite, smalto, vinilica, asfalto, vernice spray, ramo con fiore di Albizia). Massimo la descrive così: “Interessante è il riferimento a Filippo degli Albizzi, che portò questa pianta nel 1740 in Italia (discendeva da una famiglia di ricchi commercianti di lana). La figura in effetti sembra giocare con dei fili di lana e la forma del ramo ricorda un ago da uncinetto.”

Continua a leggere

SPAZZATURA

Verde 26, luglio 2014

Verde 26, luglio 2014 (In copertina: Officina Infernale, Lady Doom)

Alessio Posar è nato a Bolzano nel 1990. Laureato in Filosofia, ha pubblicato racconti su diverse antologie e riviste, tra cui Lahar Magazine e L’Inquieto. Una sua sceneggiatura è stata ammessa alla selezione ufficiale del TOHorror Film Fest 2014 di Torino, mentre una seconda ha vinto il primo premio al Festival del Cinema Povero 2015. Vive a Torino.

Spazzatura è apparso per la prima volta nell’ultimo numero di Verde (luglio 2014, copertina e illustrazioni di Officina Infernale, con Gianni Solla, Simone Ghelli, Alda Teodorani, Andrea Frau, Simone Lucciola, S.H. Palmer).

Continua a leggere