MARCO CABRAS

marco-cabras

Marco Cabras

Da lunedì 6 febbraio su Verde ci sarà Marco Cabras, che illustrerà su misura i nostri racconti per quattro settimane.

Marco Cabras è il classico fratello figlio unico, pestato, frustrato, disgregato. Attualmente esiliato e senza reddito nella campagna sarda, come un pentito che ha da spifferare il peggio degli “tzilleri” di Sin City.

Ha sempre disegnato senza farsi troppe domande. Lui (e non solo lui) pensa sia puro e semplice autismo.
Vittima da sempre di provinciali elucubrazioni tipo “L’ hai fatto tu? Che bravo!”, “Ma chi te lo fa fare, spacciare rende di più”.
È preso dal far fumetti, trascura malamente la sua vita privata e crede fermamente nella crescita del tratto e della tecnica. Non ama fossilizzarsi su un’idea, un consenso facile o nella bauscina appiccicosa.

Ha fatto Roma-Sardegna-Milano per qualche tempo, conscio dei buoni voti presi all’istituto d’arte di Sassari prima e alla Scuola Internazionale di Comics poi, districandosi tra piccole mostre, qualche fumetto pubblicato, lavori da cameriere per il braccio destro del Monsignore di Milano, vittima di molestie sessuali quando faceva il giardiniere da A’vecchia, convivenze al limite dell’impossibile, sveltine intercontinentali e qualche pugno in faccia.
È poco interessato all’oggettistica di lusso, quella senza praticità, per ora gli bastano due pasti decenti al giorno e delle mutande pulite.

Lieto di far parte degli illustratori di Verde, ormai unica cosa che legge perché troppo preso dalle vicende degli youtuber nostrani.
Non è vero dai, legge anche i fumetti.

Contatti:
Facebook
Deviantart
Instagram

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...